Vitamine, estratti e minerali

Uva ursina

Funzionalità
Cistite
Overview

Arctostaphylos uva ursi 

Piccolo arbusto sempreverde dal fusto legnoso, che può arrivare al metro, dall’atteggiamento strisciante e dal quale crescono germogli verticali di 20-30 centimetri,  

Le foglie, coriacee, sempreverdi sono piccole, ovali e spatolate, lucide sopra e verde-bruno  nella pagina inferiore. Si rinnovano ogni tre anni e, negli inverni particolarmente freddi e secchi, assumono colorazione rossastra.

In primavera produce piccoli fiori a forma di campanula disposti in racemi di 4- 8 fiorellini bianchi con la parte terminale rosa acceso.

I frutti sono bacche rosse, tonde, lisce e ombelicate. 

Le parti utilizzate sono le foglie, specie quelle giovani, raccolte in agosto.

Proprietà dell’uva ursina

I principali principi attivi dell’uva ursina sono composti fenolici, tra i quali spicca l’arbutina. Questi, attraverso un complesso processo di trasformazione arrivano al rene come idrochinoni per poi essere espulsi con le urine. 

A questi ultimi sono dovute le elevate proprietà antisettiche e curative sulle pareti dell’apparato genitourinario. 

La presenza anche di flavonoidi, triterpeni e tannini conferisce azione antinfiammatoria, oltre che antisettica, e lievemente diuretica.

Utilizzi dell’uva ursina

L’uva ursina è un rimedio importantissimo e molto utilizzato nella cura e nella prevenzione delle cistiti, talora anche in quelle refrattarie ai farmaci. 

Si è mostrata utile anche in altre infiammazioni dell’apparato genito-urinario e in particolare pieliti, uretriti, nefriti, nonché nella ritenzione urinaria e nell’ipertrofia prostatica. 

Preparazioni

La forma consigliata è l’estratto secco titolato in arbutina (minimo 10%) da assumere alla dose di 7 ai 10 mg per kg di peso corporeo in due somministrazioni lontane dai pasti. 

L’uso non dovrebbe essere protratto per più di 10-12 giorni consecutivi.

Spesso si associa l’assunzione di bicarbonato di sodio per rendere le urine meno acide e favorire l’effetto dell’uva ursina.

Effetti collaterali dell’uva ursina

L’eventuale colorazione verde delle urine è un fattore del tutto naturale, dovuto ad alcune componenti della pianta, e non deve destare preoccupazione.

La presenza di tannini può invece irritare la mucosa dello stomaco, con comparsa di nausea e vomito. L’associazione con la Menta può minimizzare tale effetto. 

Sono stati riportati casi di reazione allergica in soggetti sensibili. È controindicata in gravidanza e allattamento e nei bambini sotto i 10 anni di età.

Interazioni dell’uva ursina

Non sono segnalate interazioni di rilievo.

TAG: cistiti, infiammazioni genito urinarie

Scopri i prodotti che lo contengono

Torna in alto
Illustrazione iscriviti alla newsletter di microbiotanews

Il segreto per un benessere autentico risiede nella costanza delle nostre azioni quotidiane.

Iscriviti alla newsletter

Ricevi ogni settimana i consigli, gli approfondimenti e le ultime scoperte dal mondo del microbiota.
Informativa sulla privacy
Inviando il presente modulo confermo di avere letto e compreso l'informativa sulla privacy di MicrobiotaNews